• News
  • Stampa
04 Ago 09:42 2016

COMUNICATO

Intervento del Presidente del Consorzio Pro Ofanto a Italia sotto inchiesta, Radio RAI1, sulla “Black land in Puglia”: aggiornamento sul processo penale, mobilitazione sociale e ringraziamento rivolto al Vescovo di Cerignola Ascoli S.
 
Ieri pomeriggio, il dottor Marino è stato intervistato sul grave fenomeno del traffico illecito e del tombamento di rifiuti speciali che è sotto processo penale avanti il Tribunale di Foggia, ove il Consorzio si è costituito parte civile, unitamente ai Comuni di Cerignola, Orta Nova, ecc.
In primo luogo viene denunciato il “discreto silenzio” della stampa nazionale (assente sul tema da circa due anni), a cui corrisponde in un certo modo adeguato disinteresse sociale. Il presidente del consorzio ha riferito che la prossima udienza è stata fissata al 27 ottobre, mentre è stato conferito incarico peritale di trascrivere circa 600 intercettazioni telefoniche: ha auspicato una decisione della giustizia che sia rapida, oltre che severa!
Il dottor Marino ha accennato anche alla Tavola rotonda del I Giugno u.s., presso la Sala Consiliare del Comune di Cerignola alla presenza del Sindaco Metta, su Legalità, ambiente e salute dei cittadini ed ha ringraziato ufficialmente il Vescovo di Cerignola A. S., Mons. Renna per la qualificata e concreta collaborazione. Infine ha sottolineato che parte integrante della mission del Consorzio, oltre alla tutela e valorizzazione del territorio dell’Ofanto, è la salvaguardia della salute, per la quale sarà indispensabile bonificare le varie aree contaminate (si tratta di almeno 300.000 tonnellate di rifiuti) con interventi che comporteranno una spesa di milioni di euro, a cui ovviamente gli enti locali non saranno in grado di provvedere.
In conclusione, la conduttrice Falcetti ha assicurato: “noi ci siamo”, nel senso di una particolare attenzione al problema ambientale in Puglia.
 Scarica da radiorai.it – podcast > RAI PODCAST RADIO1 3/8/2016.